Logo

La ricerca scientifica: un dovere di tutti

La ricerca scientifica: un dovere di tutti

Un patrimonio inestimabile di conoscenze che deve essere tramandato ma che ha anche bisogno di essere accresciuto.

Fin dal primo momento in cui è nata l’idea di Truffleland, abbiamo sentito come un nostro preciso dovere progredire nella ricerca scientifica. Diffidate di coloro che promettono e raccontano di piante coltivate al Tuber Magnatum Pico: non ne esistono. Nessuno è ancora riuscito a riprodurre questo miracolo della terra, il tartufo bianco, il più raro, il più prezioso ma il più irraggiungibile. È impossibile, continuano a ripeterci in ogni dove. Ma noi della Truffleland amiamo le sfide, anzi le consideriamo entusiasmanti, ci danno la spinta a fare bene e sempre meglio il lavoro quotidiano, perché dietro ad esso, vediamo la luce della speranza di conoscere ambiti fino ad ora inesplorati. Qualsiasi possano essere i futuri risultati, potremo almeno dire di aver creato un laboratorio specifico di ricerca per:

  • la riproduzione della specie del Tuber Magnatum Pico;

  • per l’implementazione delle tecniche di coltivazione delle specie già presenti;

  • per creare ed assicurare una “banca del genoma” del tartufo cosicchè esso non possa mai morire del tutto;

  • per la coltivazione doppia del nocciolo sia come generatore dei suoi frutti sia dei tartufi;

  • per la creazione di nuove tecniche di produzione di piante micorizzare, che lavorino sul binomio genotipico tra pianta e fungo simbionte, in modo da poter aumentare decisamente le produzioni e le rese per ettaro.

Ma soprattutto potremmo dire di averci almeno provato.

La Ricerca finanziata da Truffleland sta fornendo inoltre, giorno per giorno, importanti strumenti per la risoluzione di problemi legati agli aspetti dell’identificazione e certificazione delle produzioni, alla biologia del fungo ipogeo, alla sua caratterizzazione univoca, attraverso il lavoro sinergico di molte attività di studio: biomolecolare, botanica, microbiologica, forestale, geopedologica. Buona fortuna agli audaci!